venerdì 4 aprile 2014

Ti lascio una canzone 7, Al Bano ospite della nona puntata di sabato 5/4/2014

al-bano-2

Sabato 5 aprile 2014 alle 21.10 su Rai 1 andrà in onda la nona puntata di Ti lascio una canzone 7, il programma condotto da Antonella Clerici.

Anche questa settimana il penultimo con il luna park musicale condotto da Antonella Clerici e animato da quaranta giovani voci tra gli 8 e i 15 anni provenienti da ogni parte d’Italia, vedrà i piccoli interpreti esibirsi in dieci canzoni tra le più belle della storia della nostra musica.

Ospite della serata il cantautore pugliese Al Bano Carrisi che ripercorrerà i momenti più significativi della sua carriera e darà vita ad intensi duetti canori sul suo vasto repertorio con i giovani protagonisti del cast.

Proseguirà anche il viaggio tra le fiabe più belle della nostra vita reinterpretate da Antonella Clerici. Questa settimana toccherà a “Cenerentola” mentre Fabrizio Frizzi, che sostituirà Carlo Conti alla conduzione de “L’Eredità” a partire dal 13 aprile, vestirà i panni di un inedito Tony Manero.

A fine serata si conosceranno tutti i titoli delle dieci canzoni finaliste che si contenderanno la vittoria di questa settima edizione del programma durante la finalissima di sabato prossimo.

Per eleggere la canzone vincitrice al voto dei giurati - Massimiliano Pani, Pupo, Cecilia Gasdia e Fabrizio Frizzi - andrà sommato anche il televoto da casa. Il pubblico potrà esprimere la propria preferenza chiamando da telefono fisso il numero 894222 o inviando un sms al 475 475 0. Ogni esibizione musicale sarà impreziosita da una personale coreografia.

Da mezzanotte, in poi, l’appuntamento è con Ti lascio una canzone Smile curiosità e dietro le quinte della puntata appena andata in onda.

Ti lascio una canzone, è una produzione tra Rai e Ballandi Multimedia. Scritto da Antonella Clerici, Dario Baudini, Matteo Catalano, Leonardo De Amicis, Simone Di Rosa, Maria Cristina Maselli e Francesco Valitutti. La scenografia è a cura di Mimma Aliffi. La direzione artistica e musicale è del maestro Leonardo De Amicis. Firma la regia Stefano Vicario.