venerdì 24 gennaio 2014

Sogno e son Desto, Gino Paoli, Edoardo Bennato, Stefania Sandrelli, Irene Grandi, Nancy Brilli, Giorgio Albertazzi, Angel Zotto e Stefano Di Battista nel gran finale

massimo-ranieri-sogno-e-son-desto-3

Sabato 25 gennaio 2014 alle 21.10 su Rai 1 in diretta dagli studi Rai della Dear - Centro di Produzione Nomentano di Roma - gran finale con la terza e ultima puntata del programma Sogno e son Desto, tre appuntamenti con il grande spettacolo di Massimo Ranieri.

Il programma condotto da Massimo Ranieri ha ottenuto nelle due precedenti puntate ottimi risultati di ascolto e di critica e domani sera la rete ammiraglia Rai proporrà lo show televisivo tratto dalla tournée di grande successo: uno spettacolo che gira tra canzoni, racconti di vita e teatro per arrivare al coraggio degli ultimi e alla dignità di ciascuno.

Massimo Ranieri canterà, oltre alle sue canzoni, brani di grandi cantautori tra cui anche le più belle melodie napoletane: lo spettatore potrà seguire anche tanti momenti di “teatro” e di varietà, dalle grandi “macchiette”, ai sonetti di Shakespeare.

Un vero “One man show” con l’attore napoletano sempre presente sul palco con la generosità che ha sempre avuto per il pubblico dei teatri e che riserverà anche a quello televisivo.

Tante emozioni  con la musica, suggestivi momenti di spettacolo con  i racconti  della sua vita, del suo incontro con grandi registi come Giorgio Strehler, Giuseppe Patroni Griffi, Mauro Bolognini, Maurizio Scaparro.

Ad accompagnare Massimo Ranieri nell’ultima puntata di Sogno e son Desto, saranno ospiti Gino Paoli, Edoardo Bennato, Stefania Sandrelli, Irene Grandi, Nancy Brilli, Giorgio Albertazzi, Miguel Ángel Zotto e Stefano Di Battista.

Sogno e son Desto è prodotto da Rai 1 in collaborazione con Ballandi Multimedia S.r.l. Ideato e scritto da Gualtiero Peirce e Massimo Ranieri, scritto con Ivana Sabatini, Andrea Lo Vecchio e Simone Di Rosa. Le musiche sono del maestro Pinuccio Pirazzoli. Le coreografie di Bill Goodson. I costumi di Simonetta Innocenti. La scenografia di Riccardo Bocchini. La regia è di Celeste Laudisio.