domenica 11 gennaio 2015

Boss in incognito 2, lunedì 12/1/2015 la quarta puntata con Sandro Ferrone

Boss in incognito 2 - Sandro Ferrone
Boss in incognito 2 - Sandro Ferrone

Lunedì 12 gennaio 2015 alle 21.10 su Rai 2 andrà in onda la quarta puntata di Boss in incognito 2, il reality condotto da Costantino della Gherardesca. Dieci “capi” e una stessa sfida: lavorare per una settimana ai livelli più bassi della propria azienda, sotto mentite spoglie.

Il quarto appuntamento con Boss in incognito avrà per protagonista Sandro Ferrone, a capo di un importante marchio nel mondo della moda e nel panorama del Fast Fashion Made in Italy.

Il marchio nasce nel dopoguerra e si sviluppa negli anni del boom economico dell’Italia, fino a trasformarsi in una S.p.A. negli anni ‘90. Ha subito trasformazioni, ristrutturazioni, fusioni, ma il cardine principale dell’azienda è rimasto sempre lui: Sandro Ferrone.

Con oltre 2 milioni di capi venduti, la sua azienda vanta un fatturato di circa 30 milioni di euro l’anno, dispone di circa 90 dipendenti diretti, conta 100 punti vendita in franchising ed è presente in oltre 500 negozi multimarca, in Italia e in 25 paesi all’estero.

La filosofia del suo marchio si ispira alla grande distribuzione, le collezioni si trasformano continuamente con l’andare avanti della stagione, tutto viene fatto in presa diretta con il mercato e c’è una produzione studiata anche durante i saldi. Si tratta di:
«un sistema pronto moda, tutto in velocità, con i tempi ravvicinati rispetto alle esigenze del mercato, per assecondare ogni giorno i gusti e le tendenze delle donne italiane»
Spiega Ferrone, che non è preoccupato dalle crisi economiche. Il suo segreto è: “utili bassi e il guadagno deriverà dall’intensità della produzione e dal lavoro svolto con passione”, al quale, attualmente, lui stesso dedica sei giorni su sette. Ma, proprio per questo motivo, e perché è un perfezionista, Sandro Ferrone ha deciso di partecipare a Boss in incognito.
«Passo tutta la giornata in azienda e spesso non capisco perché molte volte non mi arriva il prodotto come lo avevo pensato, perché alcuni prodotti in diversi punti vendita non danno gli stessi risultati».
Per una settimana Sandro Ferrone lavorerà in incognito, ma in prima linea, in alcuni segmenti della sua produzione: affiancherà un fattorino addetto alle consegne e poi un rappresentante in uno show-room del Veneto, sarà un commesso in uno dei suoi punti vendita in un centro commerciale alle porte di Roma, passerà una giornata di lavoro accanto a una modellista, e in un’altra taglierà abiti della sua collezione.

Sarà un esperienza che gli consentirà di osservare criticità e difficoltà, in modo da trovare ancora possibilità per migliorare e ottimizzare la sua azienda e la qualità del lavoro dei suoi dipendenti.