mercoledì 24 giugno 2015

Coppie in attesa, giovedì 25/6/2015 la terza puntata: La scelta della fecondazione assistita

Coppie in attesa
Coppie in attesa
Giovedì 25 giugno, alle 21:15, su Rai2 va in onda il terzo appuntamento con “Coppie in attesa”. Le vicende di otto coppie italiane, che vedono la loro vita inevitabilmente cambiare con l’attesa e poi con la nascita del proprio bimbo: l’emozione di tenerlo in grembo per nove mesi, la prima ecografia, genitori mano nella mano e occhi colmi di lacrime, la gioia di vederlo venire alla luce, l’incredulità di tenerlo tra le braccia per la prima volta. Ma anche le ansie, le preoccupazioni e la gestione dei rapporti familiari.

La fecondazione assistita sarà uno degli argomenti della terza puntata di “Coppie in attesa”.

Una delle storie che saranno raccontate ha come protagonisti i romani Luca e Vanessa: stanno insieme da sette anni ma i figli non arrivano. Per questo nel 2013 la coppia si rivolge alla medicina e grazie alla fecondazione assistita, nasce Andrea.

A Settembre 2014, Luca e Vanessa decidono di allargare ancora la famiglia e si rivolgono nuovamente alla fecondazione assistita; per loro l’attesa inizia prima della gravidanza: il primo passo da affrontare nella fecondazione assistita è il prelievo di ovociti che dovranno essere fecondati ma il risultato non è garantito.

Nel primo episodio la piccola Midori, nata dal romano Luca e dalla giapponese Ruriko, atterra con i genitori a Tokyo e può finalmente conoscere l’altra metà della sua famiglia.

La coppia di Siracusa, invece, è alle prese con la rottura delle acque di Lucrezia: Ugo è finalmente giunto in ospedale per sostenerla. La nascita della piccola Elisea ripagherà un’attesa lunga e travagliata ma i due saranno presto messi di fronte alle responsabilità di essere giovani genitori.

Poi si va a Trieste, dove la coppia formata da Michele e Silvana trascorre una serata romantica in solitudine prima del parto. Dopo pochi giorni arrivano le contrazioni: Silvana è decisa a mantenere la calma anche se Zaccaria, ottavo figlio della coppia, sembra voler nascere molto in fretta per essere accolto con grande gioia da tutta la famiglia.

A Firenze incontriamo invece Elena ed Emanuele, una coppia in cui la differenza d’età – lui è più giovane di dieci anni – non sembra creare particolari problemi. Mentre attendono la nascita del primogenito Oliver, i due devono affrontare il trasloco nella nuova casa.

Il racconto di “Coppie in attesa” nasce dalla semplice domanda: come si diventa genitori oggi in Italia? Le quattro puntate del docu-reality raccontano la gioia di dare alla luce un figlio, l’emozione di tenerlo in grembo per nove mesi, la frenesia di stringerlo per la prima volta fra le braccia. Ma cosa vuol dire diventare genitori in uno dei paesi con il più basso tasso di natalità in Europa e nel mondo? Con questo interrogativo il programma parte per incontrare e seguire le coppie che, nonostante le difficoltà e le differenze, scelgono di mettere al mondo i propri figli. Perché fare figli in Italia ancora si può.