sabato 6 settembre 2014

Il restauratore 2, torna Lando Buzzanca con le luccicanze di Basilio e nuovi intricati casi

Il restauratore 2 locandina
Da domenica settembre 2014 alle 21-10 su Rai 1 torna Lando Buzzanca con la seconda stagione della fortunata serie tv Il restauratore, in cui veste i panni di Basilio, l’artigiano dal passato tormentato a cui il destino ha riservato il dono delle “luccicanze”.

Una nuova stagione di intricati casi lo vedrà impegnato nel tentativo di aiutare chi ha subito un torto a non imboccare la strada sbagliata, quella che lo rovinerà per sempre: la vendetta. Otto prime serata per la regia di Enrico Oldoini e prodotte da Albatross per Rai Fiction.

La prima stagione della fiction Il restauratore ha avuto una media di ascolto di oltre 5 milioni e mezzo di telespettatori con medie superiori al 20% di share. L’ultima puntata è stata seguita da ben 6.937.000 telespettatori con uno share del 24,30%.

Tra le new entry figurano anche Erica Bianchi, che veste i panni dell’agente Anna, Claudia Ruffo, che interpreta Silvia Maccari, Giorgio Lupano, che dà il volto a Giovanni Tafuri e Marcello Mazzarella nella parte di Emanuele Magrini.

Ritroviamo invece Paolo Calabresi e Beatrice Fazi, nei panni dei gestori dell’osteria della Colonnaccia e Marco Falaguasta e Claudio Castrogiovanni, nei panni dei poliziotti Sandro Maccari e Flavio Mangano.

Una radio d’epoca, una vecchia bussola malfunzionante, un giocattolo di latta arrugginita, un antico carillon che non suona più.
Gli oggetti sono testimoni silenziosi delle nostre vite: conservano storie, nascondono segreti, ci mettono in guardia sui pericoli futuri.
Basilio ha un dono: può sentire quelle storie, penetrare quei segreti, scongiurare quei pericoli. Ha la responsabilità di restaurare non solo gli oggetti, ma soprattutto l’anima di persone che hanno subito un torto e cercano il riscatto attraverso la vendetta.
Il loro passato nasconde un segreto.
Il loro presente non è quello che avrebbe potuto essere.
Il loro futuro è già pronto per travolgerli con un dramma.
Finché non incontrano il restauratore

«Io devo evitare che accada ciò che ho visto…
                                    …usando ciò che ho visto.»
È passato del tempo da quando Basilio ha ricevuto “il dono”. Le sue “luccicanze”, però, non sono ancora finite. Il restauratore di piazza della Colonnaccia continua con le sue indagini, caso dopo caso, senza confidare il proprio segreto a nessuno. Come potrebbe spiegare, infatti, che gli basta toccare un oggetto, o una persona, per vedere alcune immagini dal futuro? Come potrebbe raccontare, cosa ancor più difficile, che le sue non sono previsioni chiare, ma pronostici disordinati, figure opache, frammenti confusi e sparigliati che seminano tanti dubbi e comunicano una sola certezza, quella che avverrà un delitto?

Dietro ogni sua visione c’è una vendetta che sta per compiersi, e dietro ogni vendetta c’è la storia di una persona ferita. Un sopruso, un tradimento, un’offesa: in ogni puntata Basilio entra nella vita di chi sta per cadere vittima dell’eterna dinamica del dolore, quella di chi vuole restituire al mittente un grave torto subìto.

Dopo ogni luccicanza colma di indizi, comincia una vera corsa contro il tempo per impedire che l’ultima vittima si trasformi in carnefice. Basilio indaga e risolve enigmi fino all’ultima prova: riportare alla ragione la sete di vendetta.
In questa seconda stagione, un nuovo personaggio si aggiunge alla serie col suo carico di bellezza, Emma. La donna giunge in città decisa a svelare un segreto pericolosamente legato ai misteri della bottega.

I personaggi…

Basilio Corsi (Lando Buzzanca)
Basilio ha scontato una pena di vent’anni di carcere dopo aver ucciso i killers che hanno assassinato la moglie e la figlia. In carcere, Basilio ha seguito un corso di restauro. La buona condotta e la scadenza dei due terzi della pena determinano la scarcerazione di Basilio, che viene indirizzato dal direttore dell’istituto in una bottega di restauro al centro di Roma. Basilio entra nella bottega e viene travolto dalla prima luccicanza. L’esperienza dolorosa vissuta nel passato costringe Basilio a non poter rifiutare l’aiuto alle persone di cui percepisce il futuro tragico. Se qualcuno fosse intervenuto, tanti anni fa, sua moglie e i suoi figli non sarebbero morti e la sua vita ora sarebbe diversa. È per questo motivo che Basilio, nonostante tutti i tentennamenti e i dubbi, interviene ogni volta che una delle sue percezioni si presenta. I protagonisti delle indagini condotte dal Restauratore, infatti, sono vittime esasperate, decise a vendicare un torto subito. Esattamente come era successo a lui vent’anni prima. Intervenendo, Basilio non salva solo la vita alla potenziale vittima, ma evita nello stesso tempo che il futuro carnefice rovini la propria, così come era capitato a lui. Il dono, quindi, è per il nostro protagonista anche un’occasione per redimersi, un contrappasso per l’omicidio di cui si è reso protagonista. La consapevolezza di questo elemento affiorerà nella mente e nel cuore di Basilio poco alla volta, diventando un efficace antidoto ai dubbi sul proprio ruolo e sul rapporto con il dono che di volta in volta lo assaliranno.

Emma Minissale (Anna Safroncik)
È la protagonista femminile di questa seconda serie. Emma arriva a Roma da un paesino del Sud, e nasconde un segreto. Il marito è morto cinque anni prima, ripescato nelle acque del Tevere, apparentemente a causa di un incidente. Questo grande dolore l’ha segnata condizionandola negli affetti, ma Emma è convinta che l’uomo sia stato ucciso, e sospetta che proprio Basilio sia coinvolto nell’assassinio del marito. Quando scopre che Basilio all’epoca dei fatti era ancora in carcere, la sua ricerca si concentra sul precedente restauratore, Emanuele Magrini. Emma intende vendicarsi e sarà proprio Basilio ad aiutarla in questa ricerca, che condurrà entrambi verso una verità rocambolesca e fitta di colpi di scena. Il restauratore riuscirà a far capire a Emma che la vendetta è inutile e rischia di rovinarla per sempre.

Arturo Petrucci (Paolo Calabresi)
Cinico, egoista, romano doc, popolano e un po’ cialtrone, Arturo gestisce con la moglie Dora l’osteria che affaccia sulla piazzetta. Arturo sfrutta la sua attività per ammiccare e fare il provolone con le occasionali frequentatrici del bar, turiste comprese. Questo suo atteggiamento eccessivamente propositivo nei confronti del gentil sesso provoca i rimbrotti di Dora, scatenando la sua gelosia. Puntualmente Arturo va in bianco, anche perché il suo comportamento è in realtà più frutto della sua indole che di un’autentica vena da gigolò.

Sandro Maccari (Marco Falaguasta)
Maccari era collega di Basilio quando il nostro restauratore ha compiuto la sua vendetta. L’attuale vice questore aggiunto era un giovane poliziotto appena entrato in Polizia e aveva per il collega di volante una vera e propria venerazione. Quello che Maccari sa, le basi del mestiere, glielo ha insegnato Basilio. Poi, l’omicidio. E la triste sorte di dover mettere le manette al proprio mentore. È stato Basilio a chiamare Maccari quando aveva ancora la pistola fumante in mano. Basilio, uscito dal carcere, ritrova Maccari diventato vice questore aggiunto. Adesso che se lo ritrova in commissariato quotidianamente – perché il restauratore deve andare a firmare per la libertà vigilata – Maccari sviluppa una sorta di istinto protettivo nei confronti di Basilio, che lo porta a preoccuparsi nel momento in cui comincia a credere che l’ex collega abbia ripreso l’attività di indagine. Il commissario sa che il minimo errore di Basilio lo ricondurrebbe in prigione, ma dall’altra parte è consapevole dell’abilità investigativa del restauratore e questo lo porta – inconsciamente – a percepirlo come un potenziale aiuto. Ma in questa seconda serie Maccari, in odore di promozione alla Squadra Mobile di Firenze, non può permettersi il minimo errore, e le indagini private del restauratore rischiano di metterlo nei guai. Già, perché le voci girano e le coperture di cui Basilio gode in quel commissariato grazie a Maccari ormai sono note e rischiano di compromettere la promozione del vice questore aggiunto. Maccari inoltre dovrà fronteggiare anche l’ostilità della moglie, che non ha nessuna intenzione di trasferirsi: anche in questo caso Basilio si metterà in mezzo per tentare di riconciliarli e aiutare l’amico…

Flavio Mangano (Claudio Castrogiovanni)
Flavio è l’antagonista all’interno del commissariato. Duro e puro, carrierista spietato e ispettore di Volante – il ruolo che fu del restauratore prima dell’omicidio – ha la tetragona certezza che l’atto di Basilio abbia infangato il suo ruolo di poliziotto e con esso tutta la Polizia. Per questo, fin dal primo momento, gli rema contro. Non perde occasione per cercare di mettere in cattiva luce il restauratore e bisogna dire che Basilio gliene offre la possibilità, infilandosi continuamente in situazioni al limite della Legge (che per il nostro protagonista, in realtà, sono ben oltre i confini nei quali deve mantenersi se vuole rimanere libero). In questa seconda serie, dopo la morte della moglie alla fine della prima stagione, Mangano si lascia andare e trova conforto nell’alcol, ma questa deriva comincia a generare problemi sempre più frequenti nel lavoro. È proprio grazie all’aiuto di Basilio che Mangano riuscirà a elaborare il lutto e superare il senso di colpa che lo tormenta.

Anna (Erica Banchi)
Bella e intelligente, Anna ha il non indifferente “difetto” di ricordare a Basilio la figlia che ha perso vent’anni fa. Il restauratore non può fare a meno di guardarla senza immaginare cosa sarebbe potuta diventare la sua “bambina”, che era coetanea della giovane poliziotta. La ragazza, da parte sua, ha sentito parlare di lui molte volte, con accenti differenti. Nessuno nega, in commissariato, che Basilio sia stato un grande poliziotto, ma i colleghi sono divisi sul giudizio rispetto all’omicidio che ha portato Basilio in galera.
Tra Basilio e Anna si instaura un notevole feeling già dal primo incontro, quando il restauratore se la trova dietro una scrivania a gestire documenti e magagne burocratiche. È davanti a lei che Basilio appone la firma cui a libertà vigilata lo ha costretto.

Dora Petrucci (Beatrice Fazi)
È la moglie di Arturo, ed è la proprietaria dell’osteria che gestisce insieme al marito. Una donna dalla forte personalità, è lei a comandare in famiglia, la chioccia della piazzetta, una donna dal cuore grande sempre preoccupata del benessere della micro comunità che anima quell’angolo di Roma dove lei è nata e cresciuta. Appena Basilio prende possesso della bottega di restauro, Dora comincia a prendersi cura anche di lui, le sue attenzioni materne verso il restauratore sono le stesse che dedica agli altri “inquilini” della piazzetta. Nella seconda serie, in seguito alla partenza del figlio Giulio per gli States, Dora decide che è venuto il momento per allargare la famiglia, ma dovrà vedersela con i dubbi e le resistenze del marito Arturo. Alla fine riuscirà a convincere Arturo e resterà incinta, ma la strada verso la maternità provocherà nella coppia tensioni, gags e momenti di tenerezza.

Le Trame di tutte le puntate…

Serata 1
Una chiesa di borgata. Un giovane prete in prima linea combatte a viso aperto la criminalità locale per ridare una speranza ai giovani del quartiere, e per difendere i suoi ragazzi è disposto a tutto. Qualcuno ucciderà il bullo del quartiere e Basilio deve arrivare in tempo, per capire chi sarà il potenziale carnefice e impedire che la vendetta si compia…

Serata 2
Un antico paravento giapponese conduce Basilio sulle tracce di uno stupratore seriale. Vittima dell’aggressione sembra essere Grazia, la giovane cameriera della trattoria in piazzetta. L’aggressore ha le sembianze di Matteo, il proprietario del paravento, ma non tutto è come sembra...

Serata 3
Basilio toccando un vecchio affilacoltelli che richiede un restauro ha una luccicanza: un uomo verrà accoltellato e un bambino sequestrato e imbavagliato. Il bambino è il figlio di Roberto Chiari, un famoso chef che non sembra avere nemici, a parte un conflitto con la sorella legato all’eredità di un ristorante. Ancora una volta Basilio deve arrivare in tempo prima che qualcuno si faccia giustizia da solo…

Serata 4
Restaurando una vecchia bilancia che appartiene a Maccari, Basilio vede la figlia del vice questore e una sua amica coinvolte in un incidente mortale. Basilio riesce a salvare solo una delle due ragazze mentre l’altra finisce in coma, vittima di un pirata della strada. Maccari è accecato dalla rabbia e intende inchiodare il colpevole, costi quel che costi. Non sarà facile per Basilio capire cosa fare per impedire che il suo migliore amico non si rovini la vita per portando a termine una vendetta.

Serata 5
Un uomo sarà assassinato in un’azienda agricola: è ciò che svela a Basilio il contatto con due teste di terracotta. Il restauratore risale all’azienda vista nella luccicanza e capisce che tra i soci della fattoria biodinamica non scorre buon sangue: motivo del conflitto, l’utilizzo di disinfestanti chimici per respingere i parassiti. Basilio sventa l’omicidio risolvendo il caso, ma proprio in quel momento una seconda luccicanza rimette tutto in gioco…

Serata 6
Una stanza d’albergo. Un borsone pieno di soldi. Un uomo che viene raggiunto da tre colpi di pistola. Questi i tre indizi che stavolta Basilio ha a disposizione per evitare che il futuro si compia tragicamente… Si tratta di un furto finito male o dell’ennesima vendetta da parte di qualcuno che ha subito un torto?

Serata 7
Un giovane manager si suicida respirando i gas di scarico della sua auto e Basilio non riesce ad arrivare in tempo: questo è ciò che vede Basilio toccando una tela che la moglie dell’uomo gli ha portato a restaurare. Basilio avvicina la famiglia e tenta di capire le ragioni che spingeranno il manager a compiere quel gesto estremo: ma è proprio sicuro che il tentato suicidio sia la sola tragedia che il restauratore dovrà impedire?

Serata 8
Questa volta Basilio si ritrova a dover indagare in ambito universitario, nel mondo degli scavi archeologici. Toccando una statua di marmo policromo, il restauratore “vede” una giovane aggredita da un uomo e il corpo di una donna senza più vita, in prossimità di uno scavo. Quello che apparentemente sembra un delitto passionale, nasconde in realtà una storia di prevaricazione e invidie…

Interpreti e personaggi: Lando Buzzanca (Basilio Corsi), Anna Safroncik (Emma Minissale), Paolo Calabresi (Arturo Petrucci), Beatrice Fazi (Dora Petrucci), Marco Falaguasta (Sandro Maccari), Claudio Castrogiovanni (Flavio Mangano), Erica Banchi (Agente Anna), Claudia Ruffo (Silvia Maccari), Giorgio Lupano (Giovanni Tafuri), Marcello Mazzarella (Emanuele Magrini), Eleonora Sergio (Nadia Marìn), Aurora Quattrocchi (Madre di Magrini).
Interpreti di puntata: Emanuele Bosi, Valerio Morigi, Lorenzo Renzi, Giovanni Calcagno, Francesca Valtorta, Fabrizio Bucci, Chiara Mastalli, Ivano Marescotti, Elena Cucci, Michele Cesari, Massimiliano Buzzanca, Paco Reconti, Marco Bonini, Shel Shapiro, Astrid Meloni, Sara Zanier, Antonio Folletto, Giancarlo Previati, Andrea Roncato, Salvatore Lazzaro, Ignazio Oliva, Dario Bandiera, Gioia Spaziani, Leandro Amato, Milena Miconi, Matteo Taranto, Gaetano Amato, Gaia Bermani Amaral, Valentina Valsania, Giovanni Anzaldo, Martina Pinto, Stefania Montorsi, Eleonora Sergio.

Il-restauratore-2-1Il-restauratore-2-2Il-restauratore-2-3Il-restauratore-2-4Il-restauratore-2-5
Il-restauratore-2-6Il-restauratore-2-7Il-restauratore-2-8Il-restauratore-2-9Il-restauratore-2-10
Il-restauratore-2-11Il-restauratore-2-12Il-restauratore-2-13Il-restauratore-2-14Il-restauratore-2-15
Il-restauratore-2-16Il-restauratore-2-18Il-restauratore-2-19Il-restauratore-2-20Il-restauratore-2-21
Il-restauratore-2-22Il-restauratore-2-23Il-restauratore-2-24Il-restauratore-2-25Il-restauratore-2-26



Il restauratore 2. Regia Enrico Oldoini. Regia seconda unità Francesca Marra. Soggetto Alessandro Jacchia. Soggetto di serie Salvatore Basile,Vinicio Canton, Alessandro Jacchia. Sceneggiatura Vinicio Canton, Valerio D’Annunzio, Jacopo Fantastichini, Francesco Favale. Fotografia Claudio Sabatini. Scenografia Nino Formica. Costumi Katyna Mercenari. Montaggio Alessandro Heffler. Musiche composte da Fabrizio Bondi. Casting Roberto Bigherati. Post produzione Franco Casellato. Produttore esecutivo Salvatore Morello. Responsabile editoriale Jacopo Fantastichini. Produttori RAI Emanuele Cotumaccio, Paola Foffo. Prodotto da Alessandro Jacchia, Maurizio Momi.