sabato 20 dicembre 2014

Report di domenica 21/12/2014: Come è andata a finire?

Report Milena Gabanelli
Milena Gabanelli - Report

Domenica 21 dicembre 2014 alle 21.45 su Rai 3 andrà in onda l’undicesima puntata di Report, con Milena Gabanelli.

Come è andata a finire? “Schiavi del lusso. Le ispezioni di Gucci”, di Sabrina Giannini.

Report torna ad occuparsi dei grandi marchi del lusso, in particolare affrontando la questione che ha distrutto e sta distruggendo un patrimonio importante per il Made in Italy: l’artigiano in regola che viene sostituito con i più concorrenziali cinesi. Parte della responsabilità di questo patrimonio dilapidato tocca a chi gestisce i marchi del lusso, in modo sempre più famelico e cercando di aumentare i propri fatturati a scapito di valori (anche economici) importanti. Al centro dell’inchiesta è finito questa volta il marchio italiano Gucci, di proprietà del gruppo francese Kering che da dieci anni garantisce una filiera etica e controllata grazie alla certificazione SA8000 sulla responsabilità sociale. Report è riuscita ad entrare “dentro” il sistema e osservarlo per 5 mesi. Grazie alla denuncia di un artigiano e alle informazioni raccolte dal suo “socio” cinese, Sabrina Giannini per la prima volta svela come funzionano realmente le ispezioni di Gucci.

Come è andata a finire? “Amazon.it” di Giovanna Boursier.

Amazon è l’azienda leader del commercio on line. Ha quattro società in Italia, ma la capofila è lussemburghese e quindi le tasse sugli utili le paga gran parte in Lussemburgo, dove conviene perché sborsa solo il 4%. Eppure quando, due anni fa, Report era riuscito a entrare nei magazzini di Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, aveva visto che quasi tutto il commercio italiano si fa in Italia: dove lavorano 400 dipendenti assunti con contratti italiani, che prendono gli ordini e li spediscono in gran parte a clienti italiani. Adesso quel magazzino è raddoppiato e hanno anche aperto un call center a Cagliari con altri 200 dipendenti. Ma Amazon non versa quasi nulla alla nostra Agenzia delle Entrate. Da due anni la Guardia di Finanza indaga, visto che il traffico di merci di Amazon in Italia è oggi stimato in circa 1 miliardo di euro. Ma il problema della tassazione delle multinazionali del web è comune a tutta l’Europa, e ora, sollecitati anche dalla crisi, i paesi dell’Unione si stanno organizzando.

In Italia a proporre una web tax ci aveva provato, a fine 2013, Francesco Boccia, presidente della Commissione Bilancio della Camera. Boccia voleva far pagare a Google o Amazon almeno l’Iva su quanto commerciato in Italia. Ma Matteo Renzi, appena eletto segretario del Pd, si era messo di traverso, e una volta premier, ha accantonato la tassa.

Come è andata a finire? “Non abbiamo saputo difenderli. Sistema Molise” di Bernardo Iovene.

Dopo il terremoto del 2002 nel Molise una legge fatta ad hoc, il cosiddetto art.15, prevedeva finanziamenti regionali per la ripresa della produttività. Su 324 aziende che hanno ricevuto finanziamenti, 132 non sono mai nate. La Regione ha chiesto la revoca e la restituzione dei soldi. Nel mucchio c’è anche l’azienda dell’attuale presidente del Molise, Paolo Frattura, causa di un corto circuito politico, amministrativo, mediatico e giudiziario.

Frattura, dopo la revoca della Regione, passa dal centrodestra al centrosinistra, una scelta attaccata dai giornali locali che appoggiavano l’ex governatore Iorio. Frattura, una volta eletto, ha abolito la comunicazione istituzionale con la quale venivano elargite risorse a tutte le tv e ai giornali locali e parallelamente si è aperta un’indagine della Procura che ipotizza per Iorio e la tv che lo appoggiava il reato di corruzione editoriale. Intanto il magistrato Fabio Papa che stava indagando sulla centrale a biogas di Frattura finisce al centro di un caso a luci rosse che coinvolge anche la direttrice di Telemolise. A sistemare le cose ci pensa il Csm che trasferisce il magistrato, l’unico ad aver pagato fino ad oggi in una vicende dai contorni torbidi.

Come è andata a finire?: “Shale caos” di Roberto Pozzan.

In primavera era esploso il dubbio che il terremoto emiliano del 2012 fosse stato innescato dalle attività di estrazione petrolifere svolte in zona. Qualcuno ha denunciato che la fatturazione idraulica (fraking) fosse stata praticata in diverse zone della penisola.
A che punto siamo? Sussiste una responsabilità delle attività umane nell’innesco del sisma? Gli esperti non lo escludono. Quale direzione sta prendendo il governo per l’approvvigionamento energetico del paese?

Come è andata a finire? “Sportivo sarai tu” di Stefania Rimini.

Mentre un pezzo di paese sciopera contro la precarizzazione del lavoro e l’altro pezzo si angoscia per il lavoro che manca del tutto, si scopre che il posto fisso resiste in una nicchia fortunata. È quella dei dirigenti sportivi. Ci sono presidenti di Federazione che vengono rieletti ormai da vent’anni e in certi casi sono allo stesso tempo rappresentanti del popolo in parlamento. Che cosa avranno loro che noi non abbiamo? È solo questione di fiuto sportivo o c’è anche del talento imprenditoriale? Alla fine il motto decubertiniano, l’importante è partecipare, non vale: per loro, l’importante è accaparrare.