domenica 5 aprile 2015

Una casa nel cuore - Cristiana Capotondi racconta la storia di una donna che trova il coraggio di ricominciare

Una casa nel cuore
Una Casa nel cuore - Cristiana Capotondi (Foto Flaminia Lera)

Lunedì 6 aprile 2014 alle 21.10 su Rai 1 andrà in onda il film per la televisione Una casa nel cuore con Cristiana Capotondi.


La storia di Anna, una donna che all’improvviso perde tutto, ma non il coraggio e la forza di ricominciare. Abbandonata dal marito e senza risorse, si trova costretta a vivere con sua figlia per strada. Sarà grazie ad un sostegno inaspettato che ritroverà la forza di andare avanti senza perdere la dignità. Con Cristiana Capotondi, in onda in prima serata. Un tv movie tratto dal romanzo “Condominio occidentale” di Paola Musa.

Cristiana Capotondi è Anna, la protagonista di una storia che pone l’accento su uno dei grandi problemi dei nostri tempi: l’emergenza abitativa. Racconta la tragedia di chi all’improvviso si ritrova senza lavoro, senza soldi, senza amici e soprattutto senza un tetto sulla testa. Un viaggio nel dramma di chi, proprio per le condizioni in cui è costretto a vivere, non ha voce. Ma è anche una storia di coraggio, determinazione e di rinascita. Il racconto di come sia possibile, anche nelle grandi difficoltà, mantenere intatta la propria dignità e rialzarsi.

Una casa nel cuore è una produzione Rai Fiction - Red Film, prodotta da Mario Rossini, per la regia di Andrea Porporati. A vestire i panni della protagonista Cristiana Capotondi, mentre Aurora Giovinazzo interpreta il ruolo della figlia. Il personaggio di Augusto, il capo dei condomini della casa sul fiume, ha il volto di Giorgio Colangeli, Simone Montedoro è invece Francesco, l’uomo che riavvicinerà Anna ai sentimenti e all’amore, mentre Michela Andreozzi è Lucia, una amica di Anna alle prese con una scelta molto importante.

Completano il cast Nadia Kibout, Denis Campitelli, Chiara Gensini, Matteo Cremon, Marco Conidi, Fabio Brunetti, Ludovico Vitrano, Maria Rosaria Carli, Silvana De Santis e Ninetto Davoli.

La Storia


Anna è una giovane donna come tante. Ha una casa accogliente, un marito protettivo che l’ha spinta a non lavorare perché “si occupa di tutto lui”, una figlia di undici anni che adora. Ma un bel giorno suo marito scappa senza lasciare spiegazioni e il mondo di Anna va in pezzi. Scopre che la sua casa accogliente è sotto sfratto esecutivo, che degli strozzini cercano il marito, che tutta la sua vita era costruita su menzogne.

Ad Anna resta solo la figlia, Aurora. Per lei, la donna si rimbocca le maniche, cerca un lavoro, si mette in lista per un alloggio popolare. Ma i tempi non sono facili e madre e figlia finiscono a dormire in macchina. Le viene in aiuto Francesco, l’impiegato di una Onlus che si occupa di alloggi popolari. La accompagna in un posto, un barcone sul fiume, dove si sono rifugiati con il sostegno della sua Onlus altri senzatetto come lei: una sorta di variegata comunità capeggiata da Augusto, detto l’Imperatore, che cerca di evitare che dalla miseria materiale si arrivi a quella morale. E per lui c’è un solo modo di farlo: sforzarsi in ogni momento di mantenere la dignità. Su questo strano Condominio galleggiante Anna, fra durezze e disagi, scopre anche il bene prezioso della solidarietà.

Ma la figlia Aurora, che all’inizio si è fatta forza, soffre sempre di più l’anomala situazione e comincia a entrare in conflitto con la madre, che inconsciamente ritiene responsabile dell’accaduto. Paura, freddo, vergogna e la gelosia verso Francesco, che Aurora vede come pretendente all’amore della madre, hanno il sopravvento sulla ragazzina, che tenta la fuga. Per ritrovarla Anna è costretta a rivolgersi alle forze dell’ordine, che devono prendere atto della situazione in cui vive la piccola Aurora e fanno scattare la macchina dei servizi sociali.

Aurora viene data in affidamento temporaneo, Anna si ritrova sola. Le sembra di non avere più ragioni di vita e sta per lasciarsi andare. Ma la grave malattia di un anziano e poetico abitante del barcone la rimette in pista. Anna si fa forza, assiste il malato, comincia a essere di sostegno agli altri, cerca incessantemente lavoro e alla fine viene premiata. Ma la già precaria situazione della piccola comunità diventa insostenibile a causa dell’esondazione del fiume. Anna guida i suoi compagni in una protesta che finalmente suscita l’intervento dei media e porta all’assegnazione di una casa provvisoria per tutti loro.

Per Anna è la possibilità di riavere con sé Aurora, che è pronta a riabbracciarla. Forse un giorno ci sarà posto anche per Francesco nella sua vita. Ma prima Anna sa che deve imparare a contare solo su stessa.

Note di regia


«Quando ho ricevuto la proposta di Mario Rossini e di Rai Fiction di dirigere Una casa nel cuore, ho accettato con particolare interesse per due ragioni.
La prima è stato lo script, tratto dal libro di Paola Musa Condominio occidentale, che mi è apparso subito una storia universale, semplice e profonda come sono certi articoli di cronaca che ti capitano per caso sotto gli occhi, smarriti in fondo alle pagine interne di un quotidiano.
La storia di una donna, innanzitutto. Anna.
Una donna, apparentemente fragile e rinchiusa in una vita un po’ soffocante, ma tranquilla, che una mattina si sveglia e scopre che tutte le sue certezze sono svanite. Il marito un po’ stalker che l’ha pian piano costretta, col ricatto dell’amore, a un’esistenza di completa dipendenza da lui, è sparito, ha dei debiti con degli usurai, la sua attività è fallita, ma soprattutto è fuggito senza una spiegazione per Anna e sua figlia Aurora. Lasciandole letteralmente in mezzo a una strada.
Un disastro, ma è l’inizio di una vita nuova. Perché Anna reagisce. Combatte, non si arrende. Forse da sola non ce l’avrebbe fatta, ma ha Aurora, sua figlia di undici anni. Per lei non può lasciarsi andare.
È così che dal giorno in cui perdono tutto, pian piano Anna e Aurora, ritrovano la vita, il sapore della vita. Scoprono mondi che non avrebbero mai immaginato di conoscere. Si avventurano per un’altra città, una Roma che rivela aspetti minacciosi e duri, ma anche sorprese di bellezza e umanità imprevedibili.
E alla fine Anna è una donna diversa, più forte, più libera. E l’amore che la lega a sua figlia è cambiato, è diventato un legame più profondo, per entrambe, qualcosa per cui vale la pena vivere.
Questo porta al secondo motivo per cui il film mi ha appassionato subito: la possibilità di lavorare con Cristiana Capotondi. Un’attrice vitale, vivace, spiritosa e assieme capace di profonda drammaticità. Dall’aspetto apparentemente fragile, ma che nasconde una determinazione impressionante, forza da vendere. Una Anna perfetta.
Cristiana ha disegnato una giovane madre che impara sulla sua pelle cosa significa combattere, sporcarsi le mani, inventarsi una nuova esistenza, trovare un tetto, un lavoro e alla fine vincere. Non mi vergogno di confessare che a volte è difficile starle dietro, essere all’altezza della sua capacità d’attenzione e di concentrazione. Ha lavorato al personaggio fin dall’inizio, fin dal nostro primo incontro sullo script e poi per tutte le riprese del film, fino al doppiaggio, approfondendolo, limandolo, giocandoci, facendolo crescere, scoprendone e rivelandomene le pieghe più umane, a volte buffe, a volte malinconiche, sempre sorprendenti.
Insieme a Cristiana e ad Aurora Giovinazzo, la attrice che ha prestato volto e anima (persino il suo nome di battesimo) al personaggio della figlia, ho potuto costruire un viaggio in una Roma nuova e segreta, una Roma che sta accanto a quella cui siamo abituati, la solita Roma del traffico, dei turisti, della vita di ogni giorno.
Una Roma bellissima che sta qualche metro sotto all’altra Roma.
La Roma del fiume. La Roma del Tevere e delle sue rive. Ma anche quella della campagna attorno al Parco degli acquedotti, dove ci si può addormentare per strada, nella disperazione, in macchina e svegliarsi scoprendo una imprevista bellezza, che ci cambia dentro.
Dal punto di vista della regia seguire il viaggio di Anna e Aurora nell’altra Roma mi ha permesso di filmare e mostrare quella parte di splendore che tutti i giorni abbiamo accanto, ma su cui raramente posiamo lo sguardo.
Splendore che non è solo meraviglia dei luoghi, ma anche delle persone e degli incontri imprevisti che si fanno. Anna e Aurora incontrano brutte e belle persone nella loro avventura. Ma saranno queste ultime a costituire una nuova famiglia per loro. Un piccolo gruppo di senza casa, che viene ospitato “provvisoriamente” come loro in una casa galleggiante sul fiume, in attesa di un alloggio popolare. Quell’intermezzo nelle loro vite, la casa sul fiume e i compagni che la abitano, diventerà un ricordo indelebile e caro. È qui che incontrano nuovi amici che le aiuteranno a rifarsi una esistenza. Primo tra tutti una specie di angelo custode, interpretato da un fantastico Ninetto Davoli, un uomo misterioso, che ha deciso di non parlare, solo lui sa perché, ma che si affeziona ad Anna e Aurora e si prende cura di loro a suo modo, con poesia e leggerezza. E alla fine decide di rompere il suo silenzio per loro, anche se solo per dire tre parole, ma così importanti che non poteva tacerle.
E poi c’è Augusto, interpretato dal grande Giorgio Colangeli, che è il capo del piccolo gruppo di “condomini” della casa sul fiume, preoccupato di difendere la loro normalità di esseri umani, di aiutarli a restare persone degne di questo nome.
E accanto a loro un gruppo di personaggi, segnati dall’avventura che è capitata, ma solidali e disposti a mettere insieme i loro talenti cui hanno prestato volto e anima Chiara Gensini, Nadia Kibout, Marco Conidi, Matteo Cremon, Fabio Brunetti, Denis Campitelli.
E poi Simone Montedoro, che interpreta Francesco, l’uomo che forse riuscirà a convincere Anna a dare una nuova chance ai sentimenti e all’amore.
Infine Ludovico Vitrano, che ha saputo portare con pazienza i panni difficili del marito inadeguato, non all’altezza della donna che aveva a fianco, e Michela Andreozzi che interpreta con sensibilità e delicatezza il ruolo di un’amica di Anna che deve fare una scelta difficile.
Voglio ricordare per il grande contributo dato al film anche Beatrice Scarpato, che ha saputo disegnare con le sue scenografie l’altra Roma, la Roma del cuore, che cercavo. E poi Mary Montalto, che con i suoi costumi ha restituito ai personaggi della storia la dignità di persone che voleva per loro Augusto/Colangeli. E poi la fotografia di Marcello Montarsi, un occhio cristallino sui volti e i luoghi, la musica in fondo all’anima di Francesco Cerasi, e il montaggio impeccabile e attento alle ragioni dei personaggi di Simona Paggi.
Vorrei ringraziare infine la Red Film e Rai Fiction per avermi affidato questa bella storia e per avermi sostenuto nel raccontarla.»
Andrea Porporati

Note di produzione


«Quando ho letto il libro di Paola Musa Condominio Occidentale, sono rimasto subito colpito dalla straordinaria contemporaneità di questa storia così umana ma, allo stesso tempo, così tragica e tristemente quotidiana.
Ho capito subito che sarebbe stato materiale perfetto per un film di denuncia col compito di lanciare un grido d’allarme verso il problema delle emergenze abitative.
Forse al cinema, una tematica così urgente avrebbe faticato a esprimersi, mentre trovo che la dimensione televisiva abbia messo ancora più in risalto la grande commozione che scaturisce da una situazione di difficoltà come quella raccontata in Una casa nel cuore.
La sensibilità della vicenda è stata subito colta dalla Rai, che ha sposato il progetto senza indugi.
Inoltre, durante le riprese, l’intero gruppo di lavoro ha avuto modo di misurarsi con una realtà troppe volte coperta ai nostri occhi e che, negli ultimi tempi, non ha fatto distinzione di classe tra le vittime.
Rispetto al romanzo, però, abbiamo apportato una differenza importante e, ce lo permetteranno, più poetica per il pubblico: il grande parcheggio decentrato in cui la protagonista e sua figlia trovano riparo è diventato nel film un barcone solidale sulle rive del Tevere, scelta che ci ha permesso di avvalerci anche dello splendido scenario naturale e artistico della Capitale.
Così facendo, gran parte degli attori e della troupe si è trovata coinvolta in difficili condizioni di ripresa, specie per le sequenze della piena del fiume, girate in pieno novembre, per le quali si è reso necessario anche l’ausilio di un’elaborata effettistica digitale in 3D sia sul set che in post-produzione.»
Mario Rossini

Cast Artistico – Una casa nel cuore


Cristiana Capotondi (Anna), Giorgio Colangeli (Augusto), Simone Montedoro (Francesco), Michela Andreozzi (Lucia), Aurora Giovinazzo (Aurora), Nadia Kibout (Nadine), Denis Campitelli (Pietro), Chiara Gensini (Claudia), Matteo Cremon (Antonio), Marco Conidi (Bruno), Fabio Brunetti (Nino), Ludovico Vitrano (Sandro Carli), Maria Rosaria Carli (Giudice), Silvana De Santis (Portiera), Ninetto Davoli (Alberto).

Una-casa-nel-cuore-2Una-casa-nel-cuore-3Una-casa-nel-cuore-4Una-casa-nel-cuore-5Una-casa-nel-cuore-6
Una-casa-nel-cuore-7Una-casa-nel-cuore-8Una-casa-nel-cuore-9Una-casa-nel-cuore-10Una-casa-nel-cuore-11
Una-casa-nel-cuore-12Una-casa-nel-cuore-13Una-casa-nel-cuore-14Una-casa-nel-cuore-15Una-casa-nel-cuore-16
Una-casa-nel-cuore-18Una-casa-nel-cuore-19Una-casa-nel-cuore-20Una-casa-nel-cuore-21Una-casa-nel-cuore-22
Una-casa-nel-cuore-23Una-casa-nel-cuore-24Una-casa-nel-cuore-25Una-casa-nel-cuore-26Una-casa-nel-cuore-27

Foto Flaminia Lera



Cast Tecnico


Regia Andrea Porporati. Soggetto Giuseppe Badalucco, Franca De Angelis, Francesca Panzarella, Paola Musa, Tiziana Sensi. Sceneggiatura Giuseppe Badalucco, Franca De Angelis, Francesca Panzarella. Tratto dal romanzo “Condominio Occidentale” di Paola Musa - Salerno Editrice. Direttore Fotografia Marcello Montarsi. Fonico di presa diretta Massimo Pisa. Montaggio Simona Paggi. Scenografia Beatrice Scarpato. Musiche Francesco Cerasi. Edizioni Musicali Rai Com. Costumi Mary Montalto. Trucco Bruno Tarallo. Acconciature Mirella Conte. Casting Adriana Sabbatini. Organizzatore generale Mauro Maggioni. Produttore Mario Rossini - Red Film Per Rai Fiction. Produttori Rai Fania Petrocchi.