mercoledì 6 maggio 2015

Le Iene Show, di giovedì 7/5/2015: la storia di Luca e le donne albanesi che si vestono e comportano come uomini

Le Iene Show - Ilary Blasi e Teo Mammucari
Le Iene Show
Ilary Blasi e Teo Mammucari
Giovedì 7 maggio alle 21.10, in diretta su Italia 1 va in onda la quattordicesima puntata de “Le Iene Show” in prima serata condotta da Ilary Blasi, Teo Mammucari e la Gialappa’s Band.

Tra i servizi della puntata:

Luigi Pelazza si reca in Albania dove incontra alcune donne a cui è stato riconosciuto il diritto di proclamarsi uomo, comportarsi come tale e di assumerne le sembianze con abiti e taglio di capelli. Queste donne, che giurano di praticare l’astinenza sessuale per tutta la vita, possono godere di tutti i diritti riservati esclusivamente agli uomini. Questo fenomeno ha origine nell’antico codice consuetudinario albanese del Kanun.

Nella redazione delle Iene è arrivata la segnalazione di una ragazza che ha raccontato di come, dopo aver messo in vendita su internet degli orecchini, sia stata contattata da una persona interessata all’acquisto. Dopo essersi recata ad un primo appuntamento fissato nel parcheggio di un hotel a cui nessuno si è mai presentato, viene di nuovo contattata telefonicamente e gli viene detto di recarsi all’interno di un campo nomadi. Qui la donna incontra il possibile acquirente, che, non appena ricevuta la merce, si allontana con una scusa per non tornare più. Inchiesta di Giulio Golia.

Giovanna Nina Palmieri racconta la storia di Luca, un ragazzo di 32 anni a cui è stato diagnosticato l’autismo quando ne aveva cinque. Dall’anno successivo i suoi genitori, diventati il pilastro portante della sua vita, hanno deciso di recarsi ogni sei mesi in America per far intraprendere al bambino il metodo “Glenn Doman”. Si tratta di un programma di riabilitazione neurologica che prevede anche un programma fisico con corsa, ginnastica, nuoto e centinaia di esercizi ripetuti quotidianamente.

La famiglia racconta come Luca, svolgendo con attenzione le attività previste dal metodo e continuando con gli esercizi anche al termine della terapia, abbia raggiunto con il tempo molti miglioramenti psicofisici. Il ragazzo, che ora ha 32 anni, con gli anni è diventato un ginnasta, arrivando anche a conquistare la medaglia d’oro ai giochi nazionali paraolimpici.

Nel 2007 il padre e la madre di Luca hanno fondato l’associazione “Ogliastra Informa” per sostenere le famiglie che, come la loro, all’improvviso si trovano ad affrontare una situazione così difficile.