martedì 21 gennaio 2014

I segreti di Borgo Larici, dal 22 gennaio su Canale 5 gli intrighi e i misteri di una ricca famiglia degli anni Venti

i-segreti-di-borgo-larici-

Da mercoledì 22 gennaio 2014 alle 21.10 su Canale 5 andrà in onda la nuova fiction I segreti di Borgo Larici, con grandi intrighi e misteri, incentrata sulle vicende di una ricca famiglia degli anni Venti. Sette puntate dirette da Alessandro Capone.

La nuova fiction al debutto I segreti di Borgo Larici è ambientata negli anni ’20 e racconta gli intrighi e i segreti del ricco imprenditore tessile Giulio Sormani (Simone Colombari) e dei suoi due figli Ludovico (Davide Iacopini) e Francesco (Giulio Berruti). Quest’ultimo si innamora della bella popolana Anita (Serena Iansiti), sfidando così le convenzioni sociali dell’epoca.

A Borgo Larici Francesco e Anita si incontrano e si innamorano, ma il loro rapporto verrà però messo a dura prova quando Giulio Sormani viene trovato barbaramente ucciso. Questo omicidio non ha ripercussioni solo sulle vite dei due ragazzi, ma anche sull’impero che i Sormani hanno costruito negli anni.

Quella famiglia che tutti consideravano un modello esplode, dilaniata da troppi conflitti alimentati da segreti, odi mai sopiti e profonde gelosie, mentre due mondi - quello dei padroni e quello degli operai - entrano in rotta di collisione, complici anche i tumulti che stanno avvenendo nel resto del paese. Toccherà a Francesco e ad Anita, scoprire la verità che sta dietro a quella morte e a quelle che seguiranno. Una verità atroce, che affonda le sue radici nella fortuna stessa dei Sormani.

Piemonte, settembre 1922. Borgo Larici sembra un tranquillo villaggio operaio alle porte di Torino ma, a volte, l’apparenza inganna. A Borgo Larici niente è come sembra.

Il ritorno in paese di Francesco (Giulio Berruti), rampollo della famiglia Sormani, proprietaria della fabbrica tessile del borgo, è destinato a scoperchiare tutti i terribili segreti custoditi da anni tra le mura della sfarzosa villa di Famiglia.
 
Amori, rivalità, lotte di classe, di potere e delitti.
 
A Francesco e alla giovane maestra del paese, Anita Sclavi (Serena Iansiti), il compito di risolvere i misteri del borgo, prima che il fragile equilibrio si rompa del tutto...

Trama

Agosto 1922. Francesco (Giulio Berruti) è il primogenito di Giulio Sormani (Simone Colombari), un ricco industriale del tessile. Ma invece di seguire le orme paterne e lavorare nell’azienda di famiglia, come il fratello Ludovico (Davide Iacopini), fa il pilota d’automobili.
Anita Sclavi (Serena Iansiti) proviene da una famiglia di operai ed è una delle due maestre del villaggio sociale che i Sormani hanno costruito a ridosso del loro opificio.
E’ proprio qui, a Borgo Larici, che Francesco e Anita si incontrano e si innamorano.
Il loro amore verrà messo alla prova quando Giulio Sormani viene trovato barbaramente ucciso.
Questo omicidio non ha ripercussioni solo sulle vite dei due ragazzi, ma anche sull’impero che i Sormani hanno costruito.
Così, quella famiglia che tutti consideravano un modello esplode, dilaniata da troppi conflitti alimentati da segreti, odi mai sopiti e profonde gelosie, mentre due mondi - quello dei padroni e quello degli operai - che fino a quel momento, pur nelle differenze, si erano sempre guardati con rispetto, entrano in rotta di collisione, complici anche i tumulti che stanno avvenendo nel resto del paese.
Toccherà a Francesco e ad Anita, già impegnati a difendere con le unghie e con i denti quel loro amore, scoprire la verità che sta dietro a quella morte e a quelle che seguiranno.
Una verità, atroce, che affonda le sue radici nella fortuna stessa dei Sormani.
Una verità che in molti, ancora oggi, vorrebbero continuare a nascondere.
Una verità che, come per un beffardo scherzo del destino, vedrà la luce il 28 Ottobre 1922, il giorno della “Marcia su Roma.”

Note di regia di Alessandro Capone

Quando lessi la bibbia di presentazione della serie la storia mi colpì immediatamente: i personaggi, l’ambientazione, il periodo, gli intrecci familiari, il mistery...
Mi riportò a quelle sensazioni a quei ricordi di quando ero bambino, di quando gli sceneggiati in bianco e nero proponevano grandi romanzi, classici ed epopee... si andava a letto tardi tra i brontolii dei genitori preoccupati del rendimento a scuola e la faticosa sveglia mattutina.
La nostra televisione ha sempre avuto una grande tradizione in questo senso e quindi trovarmi a leggere una storia di questo genere mi ha fatto ritrovare un entusiasmo quasi infantile per affrontare quella che si delineava come una sfida.
I tempi e il budget ridotto non erano certo i migliori alleati per pensare di portare a casa un prodotto di qualità: nessuna “star” televisiva, due settimane per girare puntate da 80 minuti in costume, ambientazione del 1922 e quindi costumi trucco e capelli, una montagna di personaggi da presentare e da seguire, il tutto con un ritmo ed una tensione da tenere tutt’altro che facile!
Quindi rimboccarsi le maniche...
Un sacco di provini (oltre duecento)... call back in costume con tanto di trucco e parrucco... una serie infinita di riunioni, una serie infinita di aggiustamenti sulle sceneggiature... ultime sceneggiature arrivate in data 6 maggio 2013, lo stesso giorno dell’inizio delle riprese a Torino nel Canavese!
Armi in possesso? Una storia forte, un direttore della fiction entusiasta circondato da uno staff altrettanto entusiasta, un produttore di quelli che non si vedono più, anche lui con una gran voglia di raccogliere la sfida, un cast di bravissimi attori, una troupe straordinaria e il desiderio di fare bene, benissimo, come la nostra tradizione ci impone...
Pronti per il blitz come una squadra speciale incaricata di liberare gli ostaggi: solo che qui il blitz sarebbe durato quattordici settimane e gli ostaggi da liberare sarebbero stati la creatività, la qualità e il risultato ad ogni costo...
E’ stata durissima ma devo dire che il risultato mi rende orgoglioso: erano tanti anni che non mi sentivo così soddisfatto di qualcosa.
Il clima che si è instaurato fin da subito è stato straordinario: abbiamo “vissuto” con tutto il cast e Lello Monteverde un’esperienza incredibile... mangiare tutti insieme sempre... fare le prove la notte... gli attori che si aiutavano tra loro quotidianamente lavorando senza sosta sui personaggi e sulle scene da affrontare insieme il giorno dopo... un clima da gita in pullman durante le scuole medie! Tante ore di lavoro incessante bagnate da una pioggia che non ci ha quasi mai abbandonato, dal freddo ma anche dall’entusiasmo dei reparti, dalla fotografia alle squadre, dai costumi alla scenografia, al trucco e parrucco alla produzione al mio aiuto regista fedele compagno di tante avventure in giro per il mondo... da tutti nessuno escluso.
Il risultato? Posso dire di esserne davvero felice!
La prima sensazione avuta alla lettura della bibbia si è trasformata in realtà: se potesse essere in bianco e nero, “I Segreti di Borgo Larici” potrebbe essere tranquillamente uno sceneggiato italiano di tradizione, di quelli di una volta, costellati da una grande qualità, bravissimi attori, credibile nella storia e nei personaggi, privo di furberie e di soluzioni “facili” o ad effetto, soprattutto lontano dall’idea del fotoromanzone.
Ultimo ma fondamentale l’apporto di un musicista straordinario, Stefano Caprioli, che ha saputo cogliere l’essenza del racconto, “vestendo” e accompagnando il tutto in maniera elegante e creativa, nella migliore tradizione dei grandi maestri che sono stati la colonna sonora di un grande cinema italiano.
La cosa mi rende orgoglioso, dimostra che questo Paese quando resta fedele alle sue tradizioni, alle sue esperienze, quando fa tesoro di quanto è stato fatto nel nostro glorioso passato, può ancora dire la sua e rispondere ai grandi mezzi schierati in campo dagli anglosassoni con quelli che Almodovar definì ad una conferenza stampa durante il Festival di Cannes i nostri effetti speciali: i sentimenti.
In un momento affastellato di “Format”, “Remake”, “Prequel”, “Sequel”, di prodotti acquisiti da altri Paesi e rifatti e adattati al nostro pubblico, lasciatemi dire con soddisfazione che proporre un prodotto tutto italiano, pensato e realizzato da noi con l’entusiasmo che ha caratterizzato questa produzione, è stata ed è una grande gioia.

Interpreti e personaggi: Giulio Berruti (Francesco Sormani), Serena Iansiti (Anita Sclavi), Daniela Virgilio (Sonia Ghelfi Sormani), Jesus Emiliano Coltorti (Ettore Giardini), Nathalie Rapti Gomez (Claudia Beltrami), Davide Iacopini (Ludovico Sormani), Desirèe Valentino (Elsa Sormani), Sara D’Amario (Margherita Stella Sormani), Simona Borioni (Rachele Macchi), Franco Trevisi (Dino Sclavi), Adolfo Margiotta (Maresciallo Ghirri), Giovanni Guidelli (Magistrato Ferrero), Massimiliano Giovanetti (Sergio Reali), Marco Falaguasta (“Rico” Bastiani), Giulia Elettra Gorietti (Eva Cravero), Vincenzo Alfieri (Ferdinando), Camilla Ferranti (Irene Berti), Tiziana Buldini (Maria), Gianni Bissaca (Dr. Novelli), Antonella Attili (Rosa Olivieri), Paolo Ricca (Rocco), Giampiero Mancini (Dott. Luigi Conti), Simone Colombari (Giulio Sormani), Massimo Wertmuller (Don Costante), Nicola Pistoia (Fausto Ferraris), Andrea Tidona (Senatore Augusto Beltrami), Adalberto Maria Merli (Giovanni Sormani), Matteo Anselmi (Nicola Sclavi), Moritz Ceste (Pietro Baud).

i-segreti-di-borgo-larici-1i-segreti-di-borgo-larici-2i-segreti-di-borgo-larici-3i-segreti-di-borgo-larici-4i-segreti-di-borgo-larici-5

i-segreti-di-borgo-larici-6i-segreti-di-borgo-larici-7i-segreti-di-borgo-larici-8i-segreti-di-borgo-larici-9i-segreti-di-borgo-larici-10

i-segreti-di-borgo-larici-11i-segreti-di-borgo-larici-12i-segreti-di-borgo-larici-13i-segreti-di-borgo-larici-14i-segreti-di-borgo-larici-15

i-segreti-di-borgo-larici-16i-segreti-di-borgo-larici-18i-segreti-di-borgo-larici-19i-segreti-di-borgo-larici-20i-segreti-di-borgo-larici-21

i-segreti-di-borgo-larici-22i-segreti-di-borgo-larici-23i-segreti-di-borgo-larici-24i-segreti-di-borgo-larici-25i-segreti-di-borgo-larici-26

i-segreti-di-borgo-larici-27i-segreti-di-borgo-larici-28i-segreti-di-borgo-larici-29i-segreti-di-borgo-larici-30i-segreti-di-borgo-larici-31

Fotogallery - foto di Bruno Rukauer

I segreti di Borgo Larici Mediaset presenta una produzione RTI. Prodotta da Raffaello e Cristina Monteverde per la Leader Movies S.r.l. Una serie ideata da Raffaello Monteverde, Stefano Piani, Alberto Ostini. Regia Alessandro Capone. Sceneggiature Stefano Piani, Jean Ludwigg, Daniela Bortignoni, Massimo Russo, Stefano Sudriè, Antonio Serra, Alberto Ostini. Story Editor Stefano Piani. Casting Elisabetta Giacomelli. Sigla Nicolaj Pennestri. Fonico di presa diretta Marco Fiumara. Aiuto regista Alessandro Sanacore. Costumi Maurizio Basile. Scenografia Marisa Rizzato. Fotografia Gianni Mammolotti (a.i.c.), Daniele Nannuzzi (a.i.c.). Operatore di macchina Giovanni Gebbia. Montaggio Fabio Loutfy. Musiche composte e orchestrate da Stefano Caprioli. Coordinamento Area Musica RTI - Antonello Navarra. Produzione musicale RTI - Paolo Peltrinieri. Produttore esecutivo Carlo Vacca. Organizzatore generale Paolo Sciarretta. Delegato di produzione RTI- Titti Mastrocinque, Gianluca Tino. Ufficio stampa Leader Movies -  Patrizia Biancamano, Paola Spinetti. Responsabile Comunicazione Fiction Mediaset Laura Marchese. Ufficio stampa RTI - Isabella Canensi. Casting RTI - Manuela Cotugno.