lunedì 21 aprile 2014

Una buona stagione, trama quarta puntata

una-buona-stagione-1

Martedì 14 aprile 2014 alle 21.10 su Rai 1 andrà in onda la quarta puntata della fiction Una buona stagione, con protagonisti Ricardo Dal Moro, Luisana Lopilato, Luisa Ranieri, Ottavia Piccolo, Jean Sorel, Alessandro Bertolucci.

Sei puntate per raccontare la storia della famiglia Peruzzi, viticoltori che cercano di fare quel salto di qualità e portare il loro vino nell’Olimpo dell’enologia e del mercato mondiale.

Nel quarto appuntamento Andrea, arrestato con l’accusa di truffa, viene interrogato da un poliziotto tedesco che lo pone di fronte a una pesante realtà: il giovane Masci ha pestato i piedi all’uomo sbagliato. Qualora fosse disposto a collaborare con loro per rintracciare Devcenko, il criminale russo che ha raggirato, le accuse contro di lui cadrebbero. Ma Andrea nega ogni colpa.

Nonostante questo ennesimo, duro colpo, Emma non si dà per vinta e decide di vendere comunque il vino per pagare la rata in scadenza.

Michel, intanto, cerca di capire in ogni modo perché suo figlio sia stato arrestato, senza successo. I carabinieri che pur lo conoscono e lo stimano, non sembrano voler o poter rivelare nulla. Certo che il fermo di Andrea sia collegato al denaro che suo figlio ha misteriosamente racimolato a Berlino, chiede ad Elisabetta, il cui ex marito è un importante avvocato tedesco, di aiutarlo a scoprire la verità.

Jacopo, intanto, spinto da Olga, porta finalmente a termine il suo piano: sabotare il vino della Santangelo.

Andrea, rilasciato per mancanza di prove, torna giusto in tempo per scoprire che tutto il vino è rovinato. Stavolta, per la Santangelo, sembra davvero finita.

Andrea certo che anche dietro quell’incidente si nasconda la mano di Olga, si scaglia contro Marianne che, sempre più insospettita dagli atteggiamenti di sua madre, decide di affrontarla. Olga, tuttavia, sembra convincerla della propria innocenza.

Questo non basta a farla desistere dalla ricerca delle reali motivazioni che si celano dietro all’ossessione di sua madre per la Santangelo.

Andrea, intanto, raggiunto da Devcenko, il criminale russo che aveva truffato, riceve una proposta che non può rifiutare: combattere nuovamente per lui lì, nella sua terra e ripianare così il suo debito.

Mentre Emma, perso tutto il vino e, con esso, anche la speranza di poter pagare i propri debiti, sembra ormai sconfitta…

…Andrea non si dà per vinto e scopre che esiste un macchinario per depurare il vino intossicato da Jacopo.

Lavinia, travolta dalla forza di un amore irrazionale e deflagrante, decide di fuggire con Picchio, facendo perdere le sue tracce. Un’ulteriore angoscia per la famiglia Masci e, soprattutto, per Jacopo.

Silvia, intanto, travolta dai sensi di colpa, rinnega i suoi sentimenti per Andrea e lo allontana con durezza. Certa che sia l’unica soluzione per scacciare definitivamente il giovane Masci dal proprio cuore e dai propri pensieri, accetta di assecondare l’amore che Guido prova per lei. Nonostante questo, però, il legame tra Andrea e Paolo si rafforza sempre di più.

Paolo, allontanatosi di casa da solo, viene investito da un’auto. Andrea scopre, così, che il bambino ha il suo stesso gruppo sanguigno. Dentro di lui si fa strada il dubbio che Paolo sia suo figlio, frutto di quell’unica notte d’amore che, dieci anni prima, lo aveva visto cedere all’attrazione per Silvia, la moglie di suo fratello.

Silvia nega duramente ogni cosa, ma questo non basta a convincere Andrea. Emma, intanto, schiacciata dagli eventi e dai debiti, prende la sua decisione: vendere la Santangelo…