venerdì 23 maggio 2014

Ulisse - il piacere della scoperta, Animali compagni di vita nella settima puntata di sabato 24/5/2013

cani-e-gatti

Sabato 24 maggio 2014 alle 21.30 su Rai 3 appuntamento con la settima puntata di Ulisse - il piacere della scoperta, condotta da Alberto Angela che ci racconterà: Animali, compagni di vita.

Perché i cani abbaiano e perché i gatti fanno le fusa? O ancora dove vanno i gatti quando escono furtivamente di casa? Sono moltissime le domande che ci poniamo sui nostri amici animali, cani, gatti e non solo.

Con Alberto Angela facciamo un viaggio nel mondo degli animali, scoprendo cosa vogliono davvero comunicare con i loro segnali e quali sono le vere ragioni dei loro comportamenti.

Negli ultimi anni gli etologi ci hanno svelato sempre più dettagli sul modo di comunicare degli animali, fra di loro e con noi. È una comunicazione diversa dalla nostra e se non teniamo conto di questo fatto possiamo cadere in clamorosi equivoci.

Nel corso di questa puntata di Ulisse, scopriamo l’incredibile capacità di un cane che sembra saper fare i calcoli e una graziosa gattina che suona il pianoforte.

Scopriamo perché solo una parte delle specie animali si è perfettamente adattata alla convivenza con gli esseri umani mentre la stragrande maggioranza di esse vi si oppone, preservando una natura sostanzialmente selvatica.

Andiamo a Mosca, dove una comunità di cani randagi conduce una vita autonoma dagli esseri umani, ma ha imparato a usarne alcune tecnologie come la metropolitana di cui si serve per spostarsi da un punto all’altro della città.

E poi parliamo di ciò che gli animali non vogliono: i comportamenti sbagliati e le violenze che ne segnano l’esistenza e a volte li spingono a rivoltarsi contro di noi, ma anche le inutili attenzioni che dedichiamo loro supponendo che abbiano i nostri stessi gusti.

Dividiamo la nostra esistenza con gli animali da molte migliaia di anni, è un legame che spesso è stato basato su un interesse reciproco, ma che non sarebbe stato possibile senza una scintilla di empatia. Quell’empatia in molti casi si è trasformata in profondo affetto, ma forse solo oggi questo rapporto con i nostri compagni di vita, sta entrando in una nuova fase di più approfondita conoscenza.