mercoledì 23 luglio 2014

SuperQuark, nella quarta puntata di giovedì 24/7/2014 prosegue il documentario sui delfini Una spia nel branco

Delfini-3
Giovedì 24 luglio 2014 alle 21.20 su Rai 1 andrà in onda la quarta puntata di questa 19ª edizione di SuperQuark, il programma di divulgazione scientifico-culturale ideato e condotto da Piero Angela.

Nella  quarta puntata di SuperQuark, prosegue la serie “una spia nel branco” della BBC. Nella prossima puntata ci aspettano altre sorprendenti immagini, filmate da telecamere nascoste dentro finti animali subacquei. Tartarughe, nautilus, razze e tonni saranno i nostri operatori di eccellenza.

Un punto di vista privilegiato che ci renderà spettatori di scene che difficilmente dei sub potrebbero filmare. Vedremo gruppi di delfini che banchettano tra gli squali e una bizzarra cerimonia di iniziazione di un giovane delfino che entra a far parte di un nuovo gruppo.

Avremo anche la fortuna di spiare le strategie di caccia delle orche impegnate nella cattura di leoni marini.  I nostri sorvegliati speciali non si sono accorti della presenza di spie nel branco, e le riprese hanno funzionato bene... ma con un piccolo incidente di percorso. A farne le spese, la telecamera calamaro.

I tempi sono ormai maturi per una rivoluzione medica senza precedenti, la stampa 3D di organi complessi per trapianti umani. Barbara Bernardini ha  incontrato un giovane paziente che ha ricevuto una vescica stampata.

SuperQuark ha seguito un grande intervento della cooperazione italiana: i restauri alla città romana di Volubilis, un complesso architettonico poco conosciuto ai confini del deserto del Sahara, che ci racconta ancora una volta la potenza della Roma Antica.

Paolo Magliocco con Francesca Marcelli è andato a Lindau in Svizzera dove  ogni anno 600 giovani possono incontrare per  sei giorni oltre 30 premi Nobel. Pranzare con loro, parlare a tu per tu di scienza, delle loro esperienze, e anche delle proprie ricerche. Così oltre, all’emozione di conoscere i Nobel, questi giovani scelti tra i più bravi, possono stabilire tra loro rapporti diretti, in un mondo, quello della ricerca, dove i collegamenti trasversali sono molto importanti.

L’orchidea è il “fiore nazionale”a Singapore. Di natura lì ce n’è poca, e per questo è stato progettato uno spettacolare orto botanico. Più di mille specie di orchidee, e ambienti mediterranei climatizzati, una foresta con alberi alti fino a 90 metri, là dove prima non c’era niente. Come è possibile? Ce lo spiegheranno Barbara Gallavotti e Francesca Marcelli.

Nel servizio di Barbara Bernardini, gli studi di un neurologo di Cambridge, che prelevando campioni di saliva nelle sale degli stock market, ha scoperto che sono gli ormoni a  influenzare guadagni e perdite degli operatori di borsa. L’andamento del mercato varia parallelamente al tasso di testosterone e cortisolo degli operatori, e le decisioni più ponderate e meno rischiose vengono sempre assunte dalle donne, che, se fossero le vere decision makers della finanza, avrebbero buona probabilità di generare meno bolle speculative e crash finanziari.

Samantha Cristoforetti, la prima donna italiana che nel prossimo novembre raggiungerà la Stazione Spaziale dove rimarrà sei mesi in orbita.  Come nasce la passione per lo spazio e come si diventa astronauti? SuperQuark è andato a chiederlo alla prima astronauta italiana.

Le Rubriche di questo quarto appuntamento:

Come si fa: nel nostro paese esiste un modello che funziona da anni, è quello delle aziende del settore manifatturiero. Piero Angela ne parla con Gianfelice Rocca.

Polvere di stelle con il prof. Giovanni Bignami: Come e cosa coltivare nello spazio.

Tecnologia con Roberto Cingolani dell’IIT di Genova, le tecnologie del futuro, che potrebbero allungare le nostre vite.

Dietro le quinte della Storia, con il prof. Alessandro Barbero: È islandese il parlamento più antico del mondo, l’Althing, che esiste da più di mille anni.

La Scienza in Cucina : un recente studio sta scoprendo quanto una dieta adatta aiuti gli anziani non solo a vivere meglio, ma anche più a lungo, come ci spiega la dottoressa Elisabetta Bernardi.