martedì 19 agosto 2014

Chi l’ha visto? Storie, la sesta e ultima puntata con il caso di Elisa Claps

chi l'ha visto story- logo
Mercoledì 20 agosto 2014 alle 21.05 su Rai 3 andrà in onda la sesta e ultima puntata in prima serata di Chi l’ha visto? Storie, la versione estiva dello storico programma condotto da Federica Sciarelli dedicato ai casi di cronaca nera irrisolti.

La versione estiva di Chi l’ha visto è condotta da uno degli inviati storici del programma, Giuseppe Rinaldi che nelle sei puntate ha posto i riflettori sui grandi casi irrisolti di cronaca nera, i quali sono stati riproposti e analizzati alla luce di nuove e approfondite indagini.

Nel sesto appuntamento con Chi l’ha Visto? Storie, la trasmissione si conclude con quella che è tra le storie emblematiche di Chi l’ha visto? e che ha attraversato, con le sue evoluzioni e gli aggiornamenti, quasi tutto il percorso del programma. Una storia-simbolo di una ragazzina che scompare e che, nell’indifferenza delle istituzioni, viene cercata poco e male. Salvo ritornare alla ribalta della cronaca per un puro caso.

Il mistero della scomparsa e della morte di Elisa Claps è rimasto sepolto nella soffitta di una chiesa per 17 anni. Per 17 lunghi anni Filomena, una madre coraggio, ha affrontato il suo dolore e lottato come una leonessa per avere la verità, andando contro bugie e menzogne, depistaggi e coperture che hanno impedito di inchiodare il responsabile.

Elisa scompare in pieno centro a Potenza, in una domenica di festa (è il 12 settembre del 1993), con tanta gente in piazza, all’ora della messa. Si parlerà di fuga, di tratta delle bianche e di tanto altro, ma le indagini non andranno mai nel verso giusto. E l’assassino rimane in libertà. Finché un giorno colpisce ancora. Lontano. In un altro Paese. Qui le indagini sono più efficaci. Viene inchiodato e condannato. Si scopre che forse è un serial killer e si indaga anche per un altro delitto sempre di una giovane donna, per cui sta pagando un innocente.

Dopo 18 anni è ora di giustizia anche per Elisa. Il destino dà una mano. Gli operai che lavorano nel sottotetto della Chiesa Madre di Potenza, trovano un corpo mummificato: è quello della diciassettenne. È finalmente ora di fare i conti con tutti quelli che hanno per tanti anni ostacolato la verità.

Per Filomena Claps, la madre, è la fine di una lunga sofferenza. È l’inizio di un grande dolore. Danilo Restivo è stato condannato a Londra per l’omicidio di Ether Barnett. E poi è stato condannato in Italia per l’omicidio di Elisa Claps.

La regia è di Gianloreto Carbone.