domenica 5 ottobre 2014

La scelta di Catia-80 miglia a sud di Lampedusa, la docufiction sulla storia di Catia Pellegrino

La scelta di Catia il comandante Catia Pellegrino
Lunedì 6 ottobre 2014 alle 21.05 Rai 3 trasmetterà La scelta di Catia - 80 miglia a sud di Lampedusa, una docufiction e una serie web per raccontare la storia della prima donna comandante della Marina Militare Italiana. E di un’operazione che ha un solo obiettivo: salvare vite umane.

Una donna comandante, una nave della Marina Militare Italiana, le acque del Mediterraneo. E quei barconi alla deriva, carichi di vite da salvare. Una storia vera, quella di La scelta di Catia - 80 miglia a sud di Lampedusa, il primo racconto in presa diretta dell’operazione Mare Nostrum, un viaggio emozionante, senza mai toccare terra, in cui l’adrenalina e la concitazione dei soccorsi vivono sul labile confine tra la vita e la morte.

Un progetto editoriale – realizzato da H24 per Rai Fiction e il Corriere della Sera, in collaborazione con la Marina Militare Italiana – che comprende una docufiction, in prima visione su Rai3 lunedì 6 ottobre alle 21.05, e una serie web, diffusa a partire da lunedì 29 settembre sul sito Corriere.it.

Protagonista della storia è Catia Pellegrino. Il giorno in cui deve prendere il comando della sua nave, arriva sul ponte di volo in elicottero, dal mare aperto. Quando i marinai la vedono scendere in jeans, maglietta bianca e capelli al vento, capiscono subito che stanno partecipando ad un momento storico.

Perché Catia Pellegrino, una ragazza di 37 anni, originaria di un piccolo paese in provincia di Lecce, occhi grigi, lentiggini e piglio deciso è la prima donna al comando in una nave militare: il pattugliatore Libra.

In mare aperto un elicottero si alza dal ponte di volo di una nave militare. Dentro la cabina, una donna nella sua divisa bianca da comandante accenna un gesto di saluto al suo equipaggio prima di chiudere il portellone e volare via sull’elicottero. È l’addio alla sua nave che lei guarda dall’alto, emozionata, nell’ultimo giorno di comando. Vede quel mondo da fuori e comincia ad essere assalita dai ricordi del suo mandato alla guida di quel pattugliatore.

Il racconto procede per flashback, accompagna Catia nei continui salvataggi, in quegli istanti decisivi in cui occorre fare la scelta giusta quando il mare è molto mosso e gli interventi si fanno pericolosi. È fondamentale arrivare in tempo, direzionare il pattugliatore Libra a tutta velocità verso quei barconi che rischiano di affondare, carichi di migranti, di donne e bambini. Tutto il suo equipaggio deve lavorare senza sosta perché queste vite siano portate in salvo.

Il Libra non è una nave qualsiasi. È quella che l’11 ottobre dello scorso anno ha salvato 214 migranti durante un terribile naufragio. Una data storica da cui è nata l’operazione Mare Nostrum. E quella di Catia è una missione importante, epocale, che lei alimenta con il fantasma di quell’11 ottobre: impedire ad ogni costo che quella tragedia si ripeta, che riaccada qualcosa di simile a quel giorno, quando ha dovuto guidare la nave tra i morti galleggianti per raccogliere i vivi.

Catia ha fondato su questa esperienza la sua missione e il suo modo di guidare e infondere motivazione nel suo equipaggio. I marinai quando indossano le tute sanitarie bianche e si apprestano a soccorrere i migranti sembrano trasformarsi in “angeli” involontari, loro che si erano formati per fare la guerra e che adesso si trovano a salvare vite nella desolazione di un Mediterraneo che a volte fa paura.



Rai Fiction e Corriere della Sera presentano La scelta di Catia - 80 miglia a sud di Lampedusa Docufiction e Serie Web. Regia di Roberto Burchielli. Da un’idea di Mauro Parissone. Girato in presa diretta da Matteo Delbò e Manuele Mandolesi. Scritto con Diana Ligorio Produttore esecutivo Laura Guglielmetti. Produttore RAI Fabrizio Zappi. Montato da Alessandro Paseri. Sonorizzato e mixato da Donata Benelli. Prodotto da H24 in collaborazione con Marina Militare Italiana.